Arcana Domine
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti

Frammento VIII

Andare in basso

Frammento VIII Empty Frammento VIII

Messaggio Da Picci il Gio Mar 10 2016, 22:33

Coste sudorientali Fargan, X giugno 1272



Quale enorme disgrazia si è abbattuta su di noi! Lex, che vegli su questa missione, quale peccato abbiamo mai commesso perché tu ci abbia abbandonato a una simile punizione?

Dieci giorni fa stavamo traguardando il Capo dell’Alba, punta sudorientale del continente, quando dall’orizzonte occidentale sono sorti strati di nuvole nere e brontolanti, che in un’ora hanno ammantato l’intero cielo di tuoni e oscurità, sollevando su di noi una tempesta onnipresente, spietata come la furia di Hexarcus. Le vele, quasi strappate dalla frenesia degli elementi, sono state calate poco prima che fossero ghermite e squarciate dagli artigli del vento. Gli uomini ai remi gridavano, flagellati dalle raffiche di pioggia e dalle onde che arrembavano le murate, mentre qualche fradicio Aeromante sfidava coraggiosamente i flutti a prua per indicare la direzione da prendere.

Se non fosse stato per l’Argentea di Lord Augusto Ronuà, che si è portata innanzi per guidare l’intera flotta con lampade e torce di segnalazione attraverso i flutti sconvolti, l’inchiostro di queste cronache si scioglierebbe adesso sul fondo del mare. Solo la perizia e il coraggio degli uomini dell’ammiraglia ci hanno condotto in salvo attraverso la collera della tempesta, ma ahimè, Lex ha preteso un prezzo per tale dedizione. Quasi alla fine, l’Argentea è scomparsa tra la caligine e gli spruzzi, e i suoi fuochi si sono spenti o sono divenuti indistinguibili all’orizzonte.

Il giorno dopo, Lord Renio ha dato ordine alla flotta di rallentare la navigazione per consentire il riavvicinamento dell’Argentea. È rimasto a poppa per tre interi giorni, mangiando poco o nulla, cercando di scorgere la sagoma della nave su cui viaggiavano suo padre e i suoi familiari. Oggi, ormai alla vista dei regni di Pendragon, appare chiaro che quella nave non si unirà più a noi: che Lex abbia trovato per loro un porto sicuro, in questo o in un altro piano di esistenza.

Nel cordoglio generale della Gloria Lexita, pertanto, Lord Renio Ronuà ha fatto gettare in mare legni dipinti di azzurro con la freccia sacra a Lex color cremisi, perché il loro galleggiamento dia supporto ad eventuali naufraghi, o perché sia la loro simbolica tomba.



Per grazia di Lex,

Glauco di Blanchevalle, Sapiente del Sud

Picci
Picci

Messaggi : 324
Data d'iscrizione : 04.03.14

Foglio GDR
I miei personaggi:

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.