Arcana Domine
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti attivi

Dicerie e Informazioni "La Via del Ritorno"

Andare in basso

Dicerie e Informazioni "La Via del Ritorno" Empty Dicerie e Informazioni "La Via del Ritorno"

Messaggio Da Magus Gio Ago 13 2015, 14:48

Informazioni Iniziali:
(scritte in modo semplice per evitare fraintendimenti)
Il territorio dove si svolge il live "La Via del Ritorno" è una terra senza padroni tra il Regno di Loertà e il Regno di Anthines, composta da 3 possedimenti, e considerata impenetrabile fino a poco tempo fa (vedi dicerie)
Importante per i Cerimonialisti e i Ritualisti
Sia grazie agli esploratori, che a chi arriva, ci si rende conto che l'area è eccessivamente sovraccarica di Energia Magica che continua ad accumularsi.
-Questo rende impossibile effettuare qualsiasi tipo di Rituale improvvisato (se lo fate, gli officianti e contributori esplodono come per eccesso da stille).
-Rende inoltre impossibile effettuare qualsiasi Rituale da pergamena o da vantaggio in una zona che non sia "L'occhio del Ciclone", appositamente identificato da cartelli (se lo fate, gli officianti e contributori esplodono come per eccesso da stille)
-I Cerimoniali da pergamena o da vantaggio non sono soggetti a queste limitazioni, e si svolgono come da usuale
-Se avete Ritualista potete studiare N°1 Rituale (o Cerimoniale) che si adatti a questa zona magica, e lo potete comunicare a Scala Nicola che lo approverà. Anche questo può essere fatto solo nelle condizioni indicate sopra. è l'unica alternativa ai Rituali improvvisati per questo live. Dovete prepararvi prima.
(lo scrivete, con metodo, livelli, contributori, risorse necessarie, tempi etc, e lo mandate entro il 19/8/2015)

Estratto dal Libro “De Bellum Daemona” di Fratel Silenzio

[...] E fu solo all'alba che le Forze uscirono dal fitto della Foresta. La Torre già brulicava di attività, e la prima linea difensiva era già formata ed in attesa. Tuttavia anche gli eserciti non attendevano altro che la gloriosa battaglia, ed allo squillante suono dei corni partì la carica alla Mano nel Cielo. I Kvelderhrafn formavano la prima linea e la punta di lancia della formazione, e furono i primi a riversarsi contro Demoni e Fomori in cerca di sangue. L'impatto fu tremendo, sangue e acciaio, fuoco e ghiaccio percorsero le file di entrambi. Ma gli avversari non riuscirono a contenere la furia dei popoli a cui a lungo ormai avevano impunemente occupato il territorio. La falange di Demoni si spezzò, ed i Fomori furono travolti come foglie al vento. Ma questi nemici Corrotti avevano in loro una Ferocia antica e pericolosa, ed al secondo assalto furono gli alleati a rischiare di essere spezzati. Fu allora che il Comandante ordinò la seconda fase dell'attacco. I Kvelderhrafn retrocedettero, e gli avversari, ansiosi di ottenere vendetta e morte, caricarono all'inseguimento. Fu allora che ai fianchi, le forze della Libera Città di Legard e dei Celti di Tir Na Nog si chiusero su di loro in una tenaglia mortale, devastandoli in un turbinio di Spade, Lance ed Asce che non conosceva pietà. Privi di una guida dopo la fuga dei loro Signori, Demoni e Fomori si rivoltarono contro loro stessi, ferendo e uccidendo anche i propri alleati nel tentativo di scappare al Massacro che si stava compiendo. Ma i Mirabili li attendevano. Bloccandoli con la magia e finendoli poi con le lame, si assicurarono che nessun corrotto fuggisse dalla battaglia.
Prima che il Sole raggiungesse lo Zenith, le ultime urla degli avversari erano poco più che lamenti, e la Torre conquistata.
La prima grande battaglia del Concilio dei Popoli si concluse in una splendente Vittoria. [...]

Estratto dal Libro “La Notte più Lunga” di Fratel Corvo

[…] Ma dietro l’ombra di tali vittorie, si celava l’oscurità della Morte. Della Perdita. Del Dolore. Gli eserciti riportarono pochissime perdite in seguito all’Assedio alla Mano nel Cielo, ma ciò non si potè dire per coloro che per primi si erano inoltrati nella Foresta Rossa nel tentativo di spezzare la protezione che essa forniva ai Malvagi. Trappole, Demoni, Menzogne e Imbrogli furono letali, ed al limitare della Foresta la terra scorreva Rossa con il sangue dei caduti. Un aspro prezzo da pagare, per la possibilità di dare inizio ad una guerra che ancora non vedeva una conclusione. Anche dopo il crollo della Torre, la Notte ed il Male continuavano. […]

Territorio dei Tori della Notte, 1/7/1015
L'albero è maestoso. Si innalza più di cento passi, e solo pochi mesi prima non c'era.
Coloro che vedono con l'occhio degli spiriti lo vedono ancora più alto, e dai colori cangianti.
Spesso, ai suoi piedi, un uomo dalla pelle di metallo, riposa.
e quando lui è li, i rami mossi dal vento lo sfiorano, e si sente nell'aria un sussurro
"figlio mio, figlio mio…."

Roveto Celestiale, 10/07/1015
C'è stata un parto a Roveto Celestiale.
Questa non è una novità, ma molte sorelle vanno a porgere omaggio.
Entrano nella tenda con calma, porgendo rispetto alla madre.
Rivolgendosi a lei come "Sacra Madre".
e guardando ammirati i suoi due figli, un minotauro femmina, dal manto rossiccio e un bambino dalla cui fronte spuntano due piccole corna.
Con tutto il significato che hanno per il futuro delle terre Pitte.

Roveto Celestiale, 14/07/1015
Un nuovo ospite si aggira a Roveto Celestiale.
Spesso parla con la Sacra Madre, e sembra comportarsi come un apprendista Druido, osservando e imparando.
Sebbene sembri a suo agio tra i Pitti, si vede che non lo è. La malattia divora le sue carni, coperte da bende, e il suo volto è coperto da una maschera.
I nuvoi non lo conoscono, e sembrano diffidenti.
Ma altri, ricordano che era già stato qui, questto anni fa.
Voltus, il lebbroso, è tornato tra i Pitti ad imparare la Magia.
E l'ultima volta, aveva quasi fatto affondare l'isola.

Terre degli elfi verdi, 15/07/1015

Il fuoco aveva raso al suolo un pezzo di bosco, solo cenere era rimasta.
Su un trono di fiamme Egli si stagnava.
Era notte, ma si vedeva come se fosse giorno.
I demoni s’inginocchiarono di fronte al suo ritorno.
“Io sono Il Sire!
Voi i Miei sudditi!
Ora Vi comando!
Saziate la Mia fame di Conquista!”

Terre Amazzoni, 21/07/1015

“Hai visto Iolanda?”
“Sì, non ho mai visto una carovana così grande”.
“Già, e pensa che si stanno muovendo verso nord tutti per una sola persona, a quanto dicono”
“Chi?”
“Dicono di un certo Drachetingi”

Terre di confine tra Regno di Loertà e le Terre degli elfi verdi, 25/07/1015

“L’hai visto pure tu?”
“Sì, m’è arrivato di fronte e mi ha parlato, bisogna avvertire la milizia”.
“Mio fratello è appena partito, dobbiamo stare attenti, quella creatura probabilmente è una chimera”.
“Allora i Magus di Loertà potrebbero sapere qualcosa…”

Marchesati dell’Ovest, Coste, 28/07/1015

Le imponenti navi solcavano i mari, i vessilli figuravano il corvo.
Il mare infuriava, ma i Drakkar non si fermavano, lunga era la rotta che percorrevano.

In una fucina, 01/08/1015

“Mai vista un’ascia simile”
“Già, nemmeno il nostro più bravo produttore è riuscito a comprenderne il funzionamento”.
“A questo punto cosa farai?”
“Sai bene che non possiamo affidarci a nessuno dei nostri, e sicuramente non possiamo indebitarci”.
“Lo so bene… Però ricordo di un tizio”
“Chi?”
“Uno dei nostri fuori dagli affari interni, ma non sta qui, dovrebbe trovarsi verso LeGard”.
“LeGard… ho sentito che in quei luoghi dimora un Sacro Artefice”.
“Già, forse potrebbe calzare a pennello”

Regno di Loertà, 06/08/1015

Le guardie fermarono quell’uomo vestito di pochi stracci.
“Alt, chi è lei? S’identifichi”
“Zio can, xè la quarta volta che m’è controlè, so Bepi dalla Nora”.
“Perché sta andando verso Celusir?”
“Son drio andar a pescar, vutu venir con mi?”
“…”
“Cosa g’ho dita?”
“Lei rimane fermo qui… chiamatemi i Magus”.
“No, che g’ho el pesat che me scampa”


Rovine della Mano nel Cielo, 7/08/1015

-Rapporto. Ebbene?
-Abbiamo individuato uno dei Comandanti fuggiti Signore, pare sia la Fomoro Femmina.
-Gli Esploratori possono raggiungerla?
-Ci hanno provato Signore. Tutti coloro che hanno provato a tagliarle la strada o rallentarla con trappole e agguati sono stati trucidati. Si sta lasciando dietro una scia di cadaveri.
-Qual è la sua direzione?
-Una zona.. Strana signore, coperta di nebbia.
-Strana in che senso?
-Credo.. Uno dei Maghi dovrebbe avere un rapporto pronto a breve.

Rovine della Mano nel Cielo, 8/8/1015

-Cosa intendi con “apparizioni”?
-Fammi finire. Come stavo dicendo agli altri, quella zona fino a questo momento è sempre stata coperta da una fitta coltre di nebbia.  La zona era sempre stata considerata inabitabile perché..
-Non importa. Hai detto che questa nebbia ora non c’è più?
-Corretto. Pochi giorni fa sembra abbia iniziato a dissiparsi.
-...Troppo comodo. Non è sicuramente nulla di fortuito.
-I miei maghi stanno indagando a riguardo. Quanto alle apparizioni.. Storie locali dicono che oltre la nebbia si siano viste persone. Ma.. La maggior parte di quelle storie menzionano anche il fatto che quelle persone fossero parenti o amici.. Deceduti da tempo.
-..C’è altro?
-La zona sembra completamente instabile. Sembra ci sia una sorta di sovraccarico magico nell’area, come un ciclone di energia..
-..Magnifico.

Rovine della Mano nel Cielo, 9/8/1015

-Ma..
-Nienta “ma”. Così perdiamo tempo e basta. Dirama la notizia. Trova quanti più volontari possibili perché partano all’inseguimento. Se hanno dei cavalli meglio, non ce ne sono rimasti molti.
-E.. Che dovrei dire loro?
-Che uno dei nostri nemici è ancora a piede libero. Che è in fuga. Che è pericolosa. Che chiunque voglia porre fine alla sua miserabile esistenza deve mettersi in viaggio il più presto possibile, prima che venga persa di vista.
-Si Signore.
-Dubito che gli eserciti possano riorganizzarsi alla partenza in un tempo così breve. Nel frattempo continuate a cercare gli altri Comandanti della Mano in fuga.
-A dire il vero.. Pare che un altro di loro..
-“Un altro di loro” cosa?!
-Ecco, un messaggio ci ha informati che apparentemente il nano Negromante sta andando a sua volta verso..

Accampamenti delle Forze del Concilio dei Popoli, 10/8/1015

Un messo affigge ad ogni bacheca il seguente messaggio:
“Siete persone capaci e d'azione? Non avete paura di affrontare pericoli e cercate qualcuno da seguire? Il nuovo casato Draken cerca tali individui volenterosi, offrendo protezione e ricompense in cambio di fedeltà e servizio. Se interessati, rivolgetevi al patriarca del casato, Demogorgiuss Draken, attualmente stanziato nei territori di Loertà”

Accampamento delle Forze di Legard, 11/8/1015

-Ma sono già partiti!
-Sei in ritardo!
-Lo so! Lo so d’accordo? Siate dannati voi che non mi avete avvisato.
-Capo, che vuoi fare? Mica corrergli dietro?
-Da solo? E noi? Non osare lasciarci indietro!
-Basta piagnistei. Me la caverò.
-Hai detto la stessa cosa con il ragno gigante.
-E la sirena.
-E l’oste di quella taverna..
-Basta! Non voglio sentire altro! Voi resterete qui, c’è ancora del lavoro da fare e dopotutto siamo stati pagati. Pulite bene la zona, io vedrò di tornare con un trofeo degno del nostro Nome.
-Più del Fomoro Bufalo? Sarà dura..
-Heh. Ho come la sensazione che laggiù ci siano cose interessanti..

LeGard, 13/08/2015
Quel giorno, nessuno si avvicinava alla Menasquali.
Era stata completamente requisita dal Botta e dal Fuga, per la famiglia.
Ogni tanto, in coppia, li si vedeva andare alle prigioni, e tornare con uno dei prigionieri condannati per i crimini peggiori.
Maschi, femmine, umani, elfi ed elfe, nani, anche qualche goblin e  un orco.
Eretici, assassini, o nemici della città.
Uno alla volta li prendevano, e li portavano alla festa dei LaGuardia dell'Est.
Gli era stato detto che, se riuscivano a finire la festa, sarebbero stati graziati.
Per ora non ne era uscito nessuno…
Perché, in questa giornata, alla Menasquali stavano festeggiando la nomina a Tiranno di Corvus, il Malasorte.
E anche festeggiando, i LaGuardia Spaccano!
(attenzione: durante i festeggiamenti, nessun vero Lexita è stato danneggiato o ucciso in alcun modo)


Ultima modifica di Magus il Dom Ago 16 2015, 20:56, modificato 1 volta
Magus
Magus

Messaggi : 941
Data d'iscrizione : 07.01.14
Età : 42

Foglio GDR
I miei personaggi: Scala Nicola: Voltus, Marius, Corax,Aurelio

Torna in alto Andare in basso

Dicerie e Informazioni "La Via del Ritorno" Empty Re: Dicerie e Informazioni "La Via del Ritorno"

Messaggio Da Magus Sab Ago 15 2015, 18:17

Arius, 14/08/1015
Era una notte di luna piena: il pescatore ritornava dalle scogliere. L’alba si stava avvicinando e, come avveniva ormai da giorni, si incamminò verso casa con le sporte di vimini tristemente vuote. Ad un tratto, la sua attenzione fu richiamata da rumori insoliti provenienti dal bosco. “Una processione lexita” pensò; “avrei giusto bisogno di una preghiera per una pesca migliore”. Lasciò le sporte e si addentrò nella foresta.
Il rumore divenne ben presto una litania di voci; apparvero lanterne appese agli alberi, che lo guidarono finché giunse al limitare di una scena che lo lasciò esterrefatto. Canti festosi risuonavano nell’aria, rischiarata dalle luce delle torce. Come per magia, le fronde degli alberi si erano intrecciate a formare una volta di archi aggraziati. Decine di invitati incappucciati, alcuni in piedi, altri seduti su panche intarsiate, assistevano a quella che sembrava essere una cerimonia nuziale… tutt’altro che lexita. In fondo alla navata arborea, infatti, scorse non due, bensì tre figure che stavano recitando una promessa di matrimonio. Nei canti ricorrevano alcune parole che non capiva perfettamente, come “Lughnasadh” o “Madre Terra”. Le mani dei tre erano legate da nastri colorati: le due fanciulle ai lati indossavano lunghi abiti adornati di fiori. L’uomo al centro, ammantato di bianco, bevve da un calice che un improbabile sacerdote barbuto, basso e tozzo gli stava porgendo.
“Eresia!” sussurrò il pescatore, e voltatosi, corse a perdifiato fuori dalla foresta, lungo la scogliera, attraverso le porte del villaggio, finché non giunse alla sua amata chiesa lexita. Si inginocchiò davanti all’altare, accese con mani tremanti una candela e pregò Lex finché i raggi del sole non attraversarono il rosone. Si ripromise di non parlare con nessuno di quanto aveva visto quella notte… o almeno, fino alla prima sbronza alla taverna.
Magus
Magus

Messaggi : 941
Data d'iscrizione : 07.01.14
Età : 42

Foglio GDR
I miei personaggi: Scala Nicola: Voltus, Marius, Corax,Aurelio

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.