Arcana Domine
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti

DICERIE - Ordalia della Morte

Andare in basso

DICERIE - Ordalia della Morte Empty DICERIE - Ordalia della Morte

Messaggio Da Medea il Mer Lug 31 2019, 13:00

Arrow Accampamento Stein, all’alba
“Sellate quei cavalli! E guai a voi se vedo anche solo un uomo non appropriatamente armato!” Il comandante elargiva ordini da diverse ore, la voce oramai roca “Questo sarà l’ultimo attacco! Il decisivo! Non ce li faremo sfuggire e mi aspetto che ognuno di voi combatta come dieci cavalieri! Vendiamo cara la pelle!”
Un soldato accanto a lui si poggiò dolorosamente l’elmo sulla testa fasciata a causa di una ferita profonda al volto
“Si comandante!” urlò incoraggiando i compagni stanchi attorno a lui che si affacendavano alla preparazione degli equipaggiamenti.
Il comandante lanciò uno sguardo d’approvazione ai suoi uomini, battendo la mano sulla spalla del soldato “Sei giovane, ma hai fegato. Confido che tu combatterai con più ferocia di quanta quegli sporchi Florjark abbiano mai visto.”
“Signore, gli faremo assaggiare che sapore ha la morte inflitta da un cittadino ducale!”
“Uomini! Alle armi!”

Arrow Alloggi del tenente Sarah, La frontiera, 2 agosto 1319
"Ciccio, movimenti?"
"..."
"Allora?"
"Ciccio… Tsz. Anche stanotte tutto tranquillo, tenente."
"Anche stanotte..." Il tenente si appoggiò alla balaustra della finestra, lo sguardo assorto, per poi voltarsi verso il caporale sulla porta "Vai a berti una birra, sei congedato."
"Ma il tenente colonnello ha-"
"Non me ne frega un cazzo di quel che ti ha detto. Io ti ordino di andarti a bere una birra. E già che ci sei poi fatti una bella dormita, che hai due occhi da spavento. Il tuo aiuto non è più necessario."
Dopo un pesante silenzio l'uomo annuì e, ringraziando, si chiuse la porta alle spalle. A quel punto il silenzio caló nelle stanze del tenente.
Asaki, che era fuori dalla grande porta, gli occhi chiusi in meditazione, alzò solo un sopracciglio quando dalla stanza si iniziarono a sentire rumori di mobili rovesciati e bottiglie frantumate.
Dopo il grande frastuono, caló nuovamente il silenzio, interrotto solo da piccoli singhiozzi appena percettibili.
Asaki abbassò lo sguardo sul suo rosario, i denti stretti in una morsa.
"Serena, dove sei finita?"

Arrow Accampamento poco distante dalle Paludi di Huginn
"Se solo foste stati lì a vedere come hanno corso, che colpi di piatto han fatto volare con Cytus! E alcuni che mi hanno chiesto robe che non stanno nè in cielo nè in terra, compreso un tribale che- Hahaha!"
"Eccellenza, come fate correre voi, nessuno!"
"Chissà se hanno mai corso così, magari con qualche nemico troppo forte alle calcagna"
"Non scherzare. Sono comunque Mani Rosse, guerrieri. Sarebbe un disonore avere qualcuno di così pavido tra le nostre fila."
"Vero. Ma i vostri modi temprano!"
"Già, mi rendo conto solo in battaglia di quanto i vostri allenamenti siano serviti."
"Avete proprio ragione! Alla vostra, Merida!"
"Alla vostra, e ai Tre!"
"Il corpo e la fede son tutto. Anche se... Devo essere onesta, li ho trovati impreparati."
"Cosa!?"
"Cytus concorda con me, ha avuto anche modo di vederli da vicino. Non son tanto i membri della Chiesa, ma anche altri. Quando siamo arrivati alcuni nemmeno ci hanno notati. Sembra che non siano abituati allo stare in guardia, quanto più a pensare alle loro cose personali."
"Dite che peccano di spirito di osservazione?"
"Ma che ne so, voglio sperare di no, per loro. Se son così assorbiti dalle loro mansioni, spero siano almeno per delle cose importanti."
"Ah... Eccellenza?"
"Cosa? Oh, una missiva... Per me?"
"Sì Eccellenza, vi porto questa direttamente da Corfidelis"
"Mhh... Ah, per i Tre!"
"Tutto bene, Eccellenza?
"Ghideon è salito di grado."
"... Ah."
"Oh beh, congratulazioni."
"Massì, facciamoglielo un brindisi a quel musone. A Ghideon!"
"A Ghideon!"
"Ma... Eccellenza?"
"Dimmi Cytus."
"Ne siete felice o no?"
"Beh, diciamo che non mi dispiace. Non è mica da tutti sorprendermi a questo modo, anche se ultimamente succede spesso. Prima quell'Anulare che verrà a farsi "temprare" un po', adesso Ghideon... Per non parlare di Lord Zaccaria!"
"Perchè, che è successo con l'Indice?"
"Tu fatti i cazzi tuoi."
"Agli ordini, Eccellenza!"

Arrow Uno stralcio di un rapporto poggiato su un tavolo di guerra
... Queste creature paiono apparire in diversi luoghi del Ducato, apparentemente incontrollabili. Ogni rapporto si è tentato di avere ha condotto allo scontro, a meno che non venissero apertamente ignorate e tenute alla larga. Pare inoltre che appartengano a qualsiasi sfera magica esistente, non sembra esserci uno schema nella loro presenza, così come sui luoghi dove appaiono. Tra questi annoveriamo gli ex territori Yer, i boschi attorno ad Oleth, Pinnacolo, Raaka, Punta del Drago e agli estremi più ad est dei territori Warfer, ora in subbuglio a causa della guerra contro i Florjark. Arrivano rapporti anche dal mare aperto al largo di Abiegnis, dove diversi marinai dichiarano di aver visto nereidi sotto la superficie dell’acqua e creature arcane dall’aspetto spaesato persino sulla tolda delle navi…

Arrow Pinnacolo dell'Essenza, Sala del consiglio
Alla riunione del consiglio provvisorio erano presenti solamente tre persone, un nobile, un uomo ed un'elfa.
"Sommo Zeno, le creature arcane aumentano, sono sempre di più e compaiono sempre più spesso. Non più solamente a Pinnacolo, ma ovunque nel Ducato."
"Capisco mia cara, ovviamente la popolazione si aspetta che le gestiamo... Santana, queste creature sono coscienti?"
"Si, mio Lord."
Il Sommo rimase un attimo perso nei suoi pensieri per poi porre un'altra domanda
"Sono violente?"
"Generalmente no, solo per autodifesa, mio Lord."
"Allora non rappresentano un problema… Anzi manda qualcuno a chiedergli se vogliono entrare in Congrega e diventare cittadini del Ducato."
La Consigliera dell'Aria aveva altri pensieri per la testa e non esitò ad esporli
"Sommo Zeno, io ritengo che tutto questo sia collegato alle faglie in subbuglio da mesi, non si tratta solo di creature elementali... Sono presenti anche creature demonologiche, egomantiche, animantiche, ogni sfera conosciuta!"
"Meglio! E chiaramente, rimane da capire se si tratta di uno scossone o di una mutazione... "
Santana però aveva la mente sempre rivolta alla pratica
"E per quelli al di fuori del Marchesato, Mio Lord?"
"... Manda gente a cavallo."
I tre rimasero in silenzio per qualche secondo poi l'uomo riprese la parola anticipando come sempre il pensiero del suo Lord
"Potremmo diventare l'organizzazione più numerosa dell’intero mondo, mio Lord!"

Arrow Lungo uno dei percorsi sicuri oltre le linee Stein
Il cavallo trottava speditamente, la donna in armatura sudava sotto il sole cocente, il mantello argenteo che rifletteva la luce del sole estivo.
Seguiva una delle strade liberate dall’esercito, andando nella direzione in cui il Gruppo d’Intervento stava marciando alla caccia dei non-morti.
La sua scorta armata la seguiva, gli occhi aperti e le armi a portata di mano.
Improvvisamente, apparve sulla strada un messaggero a cavallo, portanti le insegne del Patto d’Acciaio sulla sella e gli abiti. La compagnia si fermò, attendendo il suo arrivo
“Lady! Lady porto notizie!”
“Fermati e dimmi tutto.” Disse la donna.
“Mia Lady, è accaduta una cosa terribile!” Disse agitato l’uomo “Lo Schiavista è sparito! Era andato assieme a una spedizione di schiavi verso il proprio acquirente e non solo non è più tornato, ma anche l’intero carico!”
Druilia sgranò gli occhi “DOVE?” Chiese quasi urlando, avvicinandosi con il proprio cavallo a quello del garzone.
“Questa è l’ultima posizione nota mia Lady” Disse lui porgendole una mappa “Qui è dove sarebbe dovuto avvenire lo scambio… Mia Lady!”
La donna aveva afferrato con celerità il pezzo di pergamena dalle mani del messaggero, spronando poi il proprio cavallo al galoppo
“Vattene a casa! Legione! Con me!”

Arrow In una tenda, poco lontano dalle paludi di Huginn
"La situazione è drammatica, Odhran"
"Lo so amico mio, la perdita di un cucciolo è sempre un duro colpo..."
"La... Cosa!? No forse non hai capito di cosa parlo. Beh, hai provato a fare riti per entrare in comunione col tuo spirito, recentemente? Ti risparmio la fatica, non ci riuscirai. Ti porto notizie da Raaka: il Totem è andato. Eppure gli avevo detto cosa dovevano fare!"
"Cosa vuol dire che il Totem è andato?! Eppure hanno eliminato il coboldo! Gli spiriti dovrebbero essere tornati…”
"Vuol dire che siamo da soli ora. Gli spiriti sono tornati ma non sono stati accolti e ora vagano sperduti attaccandosi a quello che trovano. Il Totem non ha retto alla corruzione negromantica, non dopo tutto quello che è successo dai monti in poi. Nessuno di noi può più comunicare col suo spirito, nessuno! Sono riuscito a stento a convincere il padre ad attendere, altrimenti la guerra sarebbe già in atto. Ora si sta occupando dei tumulti che sono nati in tutte le terre tribali. Senza il potere della Foca io sono solo un vecchio vicino a incontrare gli dei, non posso più fare molto…”
L’orco alzò lo sguardo, poggiando la mano sulla spalla del tribale
“Ma tu puoi fare qualcosa, fratello. Ho già convocato Ravagar. È ora che interveniate, se capisci quello che intendo."
"Stai cercando di dirmi che è colpa dei cuccioli?"
"Sto cercando di dirti che ho convocato le Iene..."

Arrow Lungo la strada, verso la meta
Gli esploratori seguirono le tracce con perizia, mantenendo sempre una certa distanza dall’orda di non-morti che seguivano oramai da giorni.
Quando tornarono a fare rapporto ai capi spedizione, furono esaustivi nelle loro descrizioni
“Vanno verso un’altura, l’unica all’interno dell’intera palude. I non-morti sono sempre più strani, sembrano miscugli di parti umanoidi e animali… Inquietanti a dir poco.”
Uno degli esploratori nascose il viso per non mostrare un conato di vomito al ricordo di quegli obrobri.
“E’ impossibile scalare l’altura, vi è ogni tipo di ostacolo naturale. Tentando di schivare le zone in cui le sabbie mobili rendono impraticabile il cammino, siamo finiti lungo alcune scarpate, ma abbiamo compreso che non sono attraversabili e abbiamo perso due uomini a causa della roccia friabile. Inoltre, non è sicuro attraversare nemmeno le zone fangone, perchè nascondono pozzi talmente profondi da aver inghiottito addirittura dei cavalli e non avvistabili sino a che non è oramai troppo tardi.”
Indicò un punto sulla mappa, seguendo il percorso con il dito
“Se proseguiamo in questa direzione, abbiamo accesso ad un pezzo non pericoloso di terreno, per quanto stretto. Con calma dovremmo riuscire ad attraversarlo senza ulteriori perdite. I rapporti degli esploratori arrivati sin là parlano di vecchie costruzioni e ruderi di tempi antichi, quasi come fossero dei blocchi da costruzione abbandonati da chissà quanto tempo, corrosi. Inoltre, si parla di una fitta nebbia che sale dal suolo, ammantando completamente intere aree. Tuttavia, l’altura si eleva da queste nebbie, rendendo più facile orientarsi…”
Medea
Medea

Messaggi : 212
Data d'iscrizione : 21.01.17
Età : 30
Località : Soave

Foglio GDR
I miei personaggi: Druilia Yer, Legione Dorata - Malìa, barda itinerante - L'Evocatore, cavaliere del Dardo di Cobalto - Nebra, sciamana dei Warfer

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.