Arcana Domine
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti

Semplicità o Realtà?

Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Sculptor il Ven Mar 21 2014, 12:44

Buongiorno a tutti coloro che possono vedere questa sezione.
Vorrei fare un attimo il punto della situazione: in questa sezione c'è troppo caos a mio parere.
Quello che mi preme esprimere in breve è che si stanno aggiungendo tante regole e regolette e finezze da non farmi stare dietro a tutto. Inoltre sottolineo che si sta tenendo conto troppo di tutti gli aspetti reali di una guerra.
Secondo me l'unica cosa che dovrebbe esser creata è un sistema di guerra e pace basato sul sistema vecchio, ma più limato nei suoi punti deboli.
Senza contare che spuntano bug che prima non c'erano e vengono citate problemtiche che riguardanp iù l'interpretazione e le giocate dei giocatori/personaggi.
Ovviamente per ogni singola delucidazione in merito a quello che sto dicendo sentitevi pur liberi di far domande e risponderò se ne sarò in grado.
Sculptor
Sculptor

Messaggi : 283
Data d'iscrizione : 22.01.14
Età : 28
Località : San Stino di Livenza

Foglio GDR
I miei personaggi: Sir Torren Hostler, Sergente e Notaio 13/16, Occhio e Spada

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Robur il Ven Mar 21 2014, 22:21

I bug e limiti c'erano anche prima, semplicemente non sono mai stati presi in considerazione. Però sentiti libero di indicare quali aspetti sono troppo problematici ora
Robur
Robur

Messaggi : 799
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Torzeon il Sab Mar 22 2014, 10:05

Secondo me appunto perché si tratta di una cosa più tendente alla realtà dovrebbe virare appunto ad uno stile di gioco molto più semplice e snello. Stasera terrò un piccolo dibattito su ciò per vedere un po' le opinioni di tutti.

Torzeon

Messaggi : 327
Data d'iscrizione : 30.12.13

Foglio GDR
I miei personaggi: Nèz Baròw

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da GrifoMaster il Sab Mar 22 2014, 10:24

voglio il video di Torzeon in veste di moderatore!
GrifoMaster
GrifoMaster

Messaggi : 3754
Data d'iscrizione : 03.01.14

Foglio GDR
I miei personaggi: Grifo da Zenaria, Il Priore Saigorn, Il Barone Valentino La Guardia

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Robur il Mer Mar 26 2014, 01:26

Al live abbiamo affrontato e risolto alcuni dubbi. Se ci sono altri dubbi vi prego di scriverli subito
Robur
Robur

Messaggi : 799
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da GrifoMaster il Mer Mar 26 2014, 01:37

Io resto sempre dubbioso sull'impossibilità di fare un attacco che se respinto non causa nulla in automatico.
E non venitemi a dire che il contrattacco massivo era la norma, Venezia o i Comuni hanno battuto l'Impero ma non hanno mai pensato al contrattacco anche con vittorie enormi.

Quindi proporrei l'azione di guerra prudente. con limitate possibilità di recupero/guadagno ma nessun rischio automatico per la fazione che fa scattare lo stato di guerra.
GrifoMaster
GrifoMaster

Messaggi : 3754
Data d'iscrizione : 03.01.14

Foglio GDR
I miei personaggi: Grifo da Zenaria, Il Priore Saigorn, Il Barone Valentino La Guardia

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Robur il Mer Mar 26 2014, 08:11

E non venitemi a dire che il contrattacco massivo era la norma, Venezia o i Comuni hanno battuto l'Impero ma non hanno mai pensato al contrattacco anche con vittorie enormi.
Sigh
Non ho detto che è la norma. Ho detto che è possibile. Inoltre è assodato ormai che il contrattacco non è necessario. Come ho assodato il senso della regola è di dare l'esito finale del conflitto e non di descriverne una singola parte. Come potrebbe essere il risultato finale di una partita di un gioco da tavolo di strategia.

Più che altro vorrei che qualcuno mi dicesse il perchè. Perchè è così importante che non ci sia il contrattacco. Ricordo che nulla è automatico. Per conquistare territori all'altro tu devi a) spendere parecchio di più di lui e b) batterlo sul campo. Quindi mi state dicendo che avete paura di lanciarvi in una guerra nella quale non siete pronti a spendere e a vincere sul campo? Perchè è questo che non capisco. Anche ipotizzando che ad esempio i laguardia e i territori barbari che vogliono prendere non siano adiacenti se perdono la guerra vuol dire che hanno investito poco e perso sul campo. Quindi davvero voi puntate su una guerra facendo i poveracci e mandando generali incompetenti?

Il senso del regola è appunto questo. Spingere la gente a fare la guerra quando pensa di avere le carte in regola per vincere. Mi fa ridere il concetto di una guerra prudente.

Tra l'altro la regola nasce per pareggiare il sistema precedente integrandolo con la possibilità di conquistare più di un territorio. Faccio un esempio.
Ipotizziamo che solo l'attaccante possa conquistare
caso 1) l'attaccante A spende 200, il difensore D 50; A vince sul campo -> A conquista 4 territori.
caso 2) A spende 50, D 200; D vince sul campo -> D si è difeso ma di fatto non succede nulla.
Da questo semplice esempio vediamo una grossa disparità. Con il vecchio sistema se attacco so che se spendo conquisto. Ossia pago ma ho qualcosa in cambio. Se il mio avversario investe poco io vinco di più, quindi è tutto a mio vantaggio. Viceversa se sono il difensore non ci guadagno nulla, certo mi sono difeso, ma i miei PI sono bruciati senza darmi niente, ergo difendermi serve solo a farmi perdere PI.
Da questa disparità a vantaggio dell'attaccante ne deriva che un attaccante può continuare a fare attacchi solo per far spendere PI, il che è ridicolo da un sistema di regole il cui scopo è essere leggero e simulare la realtà politica di sottofondo. Se vuoi far perdere PI al tuo avversario fai l'azione economica relativa, non fai la guerra. Inoltre tutto questo sbilanciamento da cosa è determinato? Dal primo che fa l'azione di attacco! Cioè non c'è nessun merito tattico o strategico, solo l'esser stato più rapido dell'altro, che magari voleva fare lo stesso.

Parola finale. Volevo la struttura porto, o una qualsiasi struttura che simulasse una flotta proprio per favorire le potenze marittime e impedire loro di essere contrattaccate. Ma siccome gli stessi che non voglio il contrattacco non vogliono nemmeno il porto trovo un po' difficile andare avanti.
Al momento il modo migliore per non subire il contrattacco è fare le cose seriamente. Spiare il dominio nemico per sapere quanti PI ha, razziarlo per toglierli PI, sabotargli le strutture produttive e poi attaccarlo spendendo subito parecchi PI e sopratutto essendo sicuri di scendere in battaglia con gente capace di vincere una battaglia
Robur
Robur

Messaggi : 799
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da GrifoMaster il Mer Mar 26 2014, 09:48

Ma guarda che mi hai convinto non sono più contrario alla situazione di guerra "intensa" diciamo.
Ho visto buon gioco da situazioni in cui un uomo d'arme si offriva di guidare a sue spese un attacco senza nulla chiedere se non del supporto logistico (aka la possibilità di dichiarare l'azione di Guerra) e mi piacerebbe tenerla come possibilità.

Anzi, sarebbe sicuramente interessante ed emblematico avere un'opzione prudente e una "ti mando contro tutto". Va benissimo che l'azione "prudente" sia tutto sommato svantaggiosa.

Domanda: se uno attacca dei territori divisi politicamente ma uniti culturalmente come ci comportiamo? Secondo me se attacchi il territorio del clan del corvo (Pitti) non conquisti anche territori adiacenti quale che sia il tuo successo.
siamo d'accordo?

GrifoMaster
GrifoMaster

Messaggi : 3754
Data d'iscrizione : 03.01.14

Foglio GDR
I miei personaggi: Grifo da Zenaria, Il Priore Saigorn, Il Barone Valentino La Guardia

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Robur il Mer Mar 26 2014, 09:57

Si, siamo d'accordo, per quanto la cosa va regolamentate. Cioè ragioniamo sempre in termini di dominio. Quindi ad esempio i pitti potrebbero avere 1 dominio per ciascun clan e così via tutti gli altri. Motivo per il quale sarebbe bene avere i territori sconosciuti divisi per dominio. Non necessariamente subito, ma quando serve, ossia quando scatta una guerra oppure qualcuno manda spie

Occhio che se poi questi si alleano e partecipano alla guerra puoi potenzialmente conquistarli tutti.
Ad esempio metti che ci sono 5 clan con 3 territori l'uno. Tu inizi la guerra con 1 clan, ma subito altri 2 adiacenti si alleano con lui. Tu vinci di grande misura avendo diritto a 6 territori, in tal caso puoi prenderli, rispettando le regole dell'adiacenza dei territori, scgliendoli tra i 3 domini. Potresti prenderne 2 da ciascun dominio, oppure (più saggio) mangiarti due domini e lasciare il terzo da solo a cui imporre le tue condizioni di pace.

Ri sottolineo il fatto che io voglio che il contrattacco via mare sia possibile solo se entrambi hanno una flotta. Vediamo pure la conquista del continente come la conquista delle americhe. I la guardia sono come i primi conquistatori, arrivano e prendono territori. Ogni tanto vengono respinti, anche di tanto, anche fino a perdere tutta la conquista territoriale sul continente. Però non vorrei mai vedere le popolazioni barbare del continente inseguirli via mare, così come non si è mai visto un pellerossa prendere una nave per cercare di conquistare l'inghilterra.
Robur
Robur

Messaggi : 799
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Sculptor il Mer Mar 26 2014, 18:06

OK ora certi miei dubbi sono dissipati. Rimane da definire sti 'azzo di PI.
Sculptor
Sculptor

Messaggi : 283
Data d'iscrizione : 22.01.14
Età : 28
Località : San Stino di Livenza

Foglio GDR
I miei personaggi: Sir Torren Hostler, Sergente e Notaio 13/16, Occhio e Spada

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Robur il Mer Mar 26 2014, 19:04

C'è un topic apposito
Robur
Robur

Messaggi : 799
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Sculptor il Mer Mar 26 2014, 22:25

Sì... l'avevo notato.
Sculptor
Sculptor

Messaggi : 283
Data d'iscrizione : 22.01.14
Età : 28
Località : San Stino di Livenza

Foglio GDR
I miei personaggi: Sir Torren Hostler, Sergente e Notaio 13/16, Occhio e Spada

Torna in alto Andare in basso

Semplicità o Realtà? Empty Re: Semplicità o Realtà?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.