Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Comitato Ambientale
Oggi alle 10:34 Da Magus

» Comunicazione di Termine della Campagna
Gio Gen 17 2019, 20:13 Da Lainon

» AD al Larp Festival triestino
Sab Gen 12 2019, 20:54 Da GrifoMaster

» DICERIE - Aspettando l'Alba
Mer Gen 09 2019, 18:48 Da Medea

» "Il Boss è morto, lunga vita al Boss!", live freeform a Palmanova
Dom Gen 06 2019, 14:59 Da GrifoMaster

» Calendario Eventi Campagna "Ombre dal Passato" 2019
Mer Gen 02 2019, 22:29 Da Medea

» Debriefing - Episodio pilota
Gio Dic 27 2018, 21:59 Da mrk87x

» Pleanaria 2019
Dom Dic 23 2018, 21:22 Da Lord_Khazard

» Ringraziamenti La Marcia Della Condanna
Mer Dic 19 2018, 19:05 Da Oedhen


Cena per uno - Lord Aurelio La Torre

Nuovo argomento   Questo argomento è chiuso: non è possibile modificare messaggi o pubblicare risposte.

Andare in basso

Cena per uno - Lord Aurelio La Torre

Messaggio Da Sentrem il Lun Ott 22 2018, 23:27

Il cielo era grigio a Seawolk, e una brezza marina spirava sul cimitero dalla scogliera.
Qui vengono sepolti solo coloro che se lo possono permettere. Nobili e ricchi, e a volte qualche povero ma famoso a cui qualcuno gliela paga. Per gli altri, pire funebri e mare, come per i marinai.
Il becchino, intento a scavare una fossa, vide un uomo inchinato di fronte a una tomba. E più tardi, a sua moglie, raccontò di aver visto di nuovo in città Lord Aurelio La Torre, a porgere i saluti alla sua defunta moglie.

Tre Legionari erano arrivati il giorno prima. Due Garzoni e una Lavorante, portando dei bauli presso quella che era stata fino all'anno prima la casa del nobile. A chi chiedeva, mentre faceva portare dentro il necessario ai due ragazzini che si diedero da fare anche con le pulizie, la donna del Patto d’Acciaio disse che Lord La Torre stava tornando a vivere qui. In vari erano felici. Gli era mancato il nobile biondo, con i suoi ragazzini, lo gnomo, la schiava e quel gran viavai di ospiti che aveva.

Ma, dal cimitero, Aurelio venne visto dirigersi verso casa da solo. Senza compagnia. Senza servi. Senza i figli.
Comperò del cibo e una brocca di vino lungo la strada.
Chiacchierò il necessario con chi gli chiedeva come stesse, senza mai rifiutare la parola.
Sulla situazione del Ducato.
Senza parlare del viaggio a Nord.
E a chi gli chiedeva il perché del ritorno, rispondeva semplicemente “Mi mancava il suono delle vele delle navi e dei gabbiani”.

Prima che egli giungesse a casa, a vari era chiaro che l’Aurelio che era tornato a Seawolk non era quello che ne era partito.
E che la casa in cui tornava ad abitare, non sarebbe stata la stessa.
Una casa a cui arrivò di fronte.
Una casa a cui aprì la porta.
Che attraversò, richiudendosela alle spalle.
Da solo. Senza compagnia alcuna.

Sentrem

Messaggi : 187
Data d'iscrizione : 11.02.14

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Puoi rispondere agli argomenti in questo forum