Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Calendario Calendario

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Ringraziamenti Fate il Vostro Gioco
Sab Dic 09 2017, 15:35 Da Magus

» DICERIE - POST Fate il Vostro Gioco
Gio Dic 07 2017, 08:21 Da Medea

» Il Fiore sul Campo di Battaglia - Torren
Gio Nov 23 2017, 22:28 Da Sentrem

» Armi: Questo arcano
Mer Nov 22 2017, 13:57 Da Robur

» Medicina ed indagine medica
Sab Nov 18 2017, 00:14 Da GrifoMaster

» Merci rare e Bonus
Ven Nov 17 2017, 18:08 Da GrifoMaster

» Voglio tornare a casa - Aurelio La Torre
Gio Nov 16 2017, 20:48 Da Sentrem

» La soglia dei 100
Gio Nov 16 2017, 15:56 Da Nereya Phonia Autunna

» Domanda sulle fiamme
Mer Nov 15 2017, 19:39 Da Lainon


DICERIE - Fate il Vostro Gioco

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

DICERIE - Fate il Vostro Gioco

Messaggio Da Medea il Ven Ott 13 2017, 12:15

Arrow Taverna sulla strada per Punta del Drago

"... E quindi quel tipo ha fregato tutti e li ha traditi."
"A questo ci penseremo poi Signor A. Signor S come vanno i preparativi per la missione?"
"Tutto pronto, al calare delle tenebre andremo a fargli una sorpresina! Ihih!"
"..."
"Che c'è J?"
"Enfatizzi troppo. La nostra è una missione, non un divertimento."
"Come ti sei rabbuiato J, non sei più come una volta."
"Nemmeno il Ducato, comunque. Fai pervenire una missiva ai Signori. E' ora di bonificare."


Arrow Riserva di caccia Nordrake

“È una situazione drammatica! Anche il terzo gruppo non è ancora tornato. Ormai sono giorni che non riusciamo a raggiungere la nostra zona di preghiera… Cosa sta succedendo?”
“Purtroppo, non potendo pregare, nemmeno gli dei possono darci una risposta, un aiuto, per comprendere cosa stia succedendo…”
“Hai provato a contattare la Tribù? Forse loro potrebbero aiutarci!”
“Non ci rispondono, secondo Erik è per via del nuovo padre. Siamo soli... E sai cosa succede a un lupo quando resta da solo?”
“Per Gureg! Non voglio nemmeno pensarci!”
“Calmatevi! Forse stiamo solo esagerando… Vedrete che le cose si sistemeranno!”
“Io ho paura… Quando ho cercato di avvicinarmi alla nostra zona si preghiera ho sentito qualcosa. Non saprei bene come definirla, forse solo come una presenza, come se qualcuno… O qualcosa mi stesse osservando.”
“A me è sembrato di sentire una voce dal profondo del bosco! Sembrava quasi il pianto di un bambino. Pensavo fosse solo suggestione, ma ora che mi dici questo sto cominciando a ricredermi.”
“Dobbiamo chiedere aiuto, ma a chi? Non possiamo rivolgerci a un qualunque infedele. Non capirebbe e finirebbe solo per dissacrare tutto.”
“Non disperate fratelli, ho saputo che a breve ci sarà un ricevimento e tutto il gruppo di intervento è stato invitato, sicuramente ci saranno anche i nostri fratelli della Tribù. Sono sicuro che ci aiuteranno.”
“Speriamo, ma se nemmeno loro vorranno aiutarci allora non ci resterà che chiedere a chiunque altro sarà disposto a farlo. Chiunque! In fondo i Nordrake ci hanno permesso di vivere qui come guardiacaccia della loro riserva… Dovrà pur valere qualcosa, no?”

Arrow Sericum, 11/10/1317

Due individui, a lato di una strada, stavano chiacchierando del più e del meno quando videro passare un cavaliere galoppando velocemente per uscire dalla città.
"Hai visto, vero?"
"Un'altro dei cavalieri del Quadrifoglio Stellato, si? Sono mesi che girano senza sosta per il Ducato. Solo qui a Sericum ne saranno passati almeno tre"
"Si, vero, ma sembrano tornarsene a casa. Ho sentito il fabbro, quello in fondo alla strada, e mi ha detto che sembrano aver trovato ciò che cercavano"
"Davvero? E cosa cercavano?"
"Ah, non so. Penso qualcosa che appartiene ai loro signori"


Arrow "Al centro del Ducato" Taverna ai piedi dei Monti Galgalis

Uno stanco oste parla con un cliente abituale, mentre pulisce con fare annoiato un boccale di birra.
"Lo vedi quel goblin? E’ quasi un mese che bazzica per la mia taverna e gioca da solo con quel piatto girevole, mi fa quasi pena..."
"E perchè non lo cacci, Orazio?"
"Ma sei scemo? E' del Patto, ordina sempre portate da cinque: cinque boccali, cinque piatti del giorno e paga ogni consumazione che fa prima ancora che gli venga servita” Indica con un movimento della testa il giocattolo del goblin “Dice che la puntata va messa sul piatto prima di giocare la partita. Per me può stare qui tutto il tempo che vuole, finché paga."
"Sarà, per me prima lo sbatti fuori, e meglio è! Quel tizio è inquietante."
Una voce divertita giunge dal fondo della sala
"Vuoi Scommettere? Hihihii"

Arrow Per le strade di La Fonderia

Due garzoni del Patto si concedono una pausa, appena fuori dal negozio del loro maestro, nei bassifondi
“Sono esausto, sono settimane che lavoro ininterrottamente”
“Non me ne parlare, ogni cosa che guadagno sparisce così velocemente che comincio a dubitare che avrò mai dei risparmi”
“Ma… Dove vanno i nostri soldi, in tutto questo?”
Il garzone sputa a terra “Agli eroi del Gruppo d’Intervento, ecco dove” dice con disprezzo “Loro vanno a giocare agli esploratori in terre sconosciute e qui noi soffriamo per i loro fallimenti e i loro debiti”
“Shh, non farti sentire. Non è il caso in questo periodo”
“Dopo il pessimo lavoro che hanno fatto ad Oleth e nelle vecchie terre Yer, pure loro dovrebbero vergognarsi! E poi…”
“E poi cosa?”
“In realtà, ho sentito parlare che esiste qualcuno che ha veramente a cuore la sorte del Patto d’Acciaio”
“Di chi parli?”
“Domani. Ora rientriamo, prima che ci tolgano anche il resto della paga”

Arrow "Al capriccio di Biel" Ristorante vicino la statua in onore del defunto Duca Biel Nordrake, a Punta del Drago

"Hai sentito? Il rampollo Nordrake si sposa!"
"Come si fa a non saperlo! Ah, se fosse ancora vivo quel bell'uomo del padre... Lui si che era un nobile con la N maiuscola."
"Gertrude finiscila, hai una certa età, però hai ragione, il compianto duca Biel era un vero uomo, qualunque donna del ducato, nobile o meno, sarebbe diventata Libera pur di avere una notte con lui... Ah, lo Ius Primae Noctis...."
"Artemisia, ti prego, calma i tuoi bollori...."
"Ma te la ricordi quella volta quando riuscì a gabbare anche quella creatura dal naso lungo?"
"Ma chi? La bestiolina dei Ronuà?"
"Ma si, dai, quando è riuscito a battere l'Imbattibile alle sue stesse scommesse..."
"Eh beh, voglio vedere te se ti trovi davanti al Duca, se hai il coraggio di farlo perdere..."
avatar
Medea

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 21.01.17
Età : 27
Località : Soave

Foglio GDR
I miei personaggi: Druilia Yer, Legione Dorata - Malìa, barda itinerante - L'Evocatore, cavaliere del Dardo di Cobalto

Tornare in alto Andare in basso

Re: DICERIE - Fate il Vostro Gioco

Messaggio Da Medea il Ven Ott 20 2017, 13:38

Arrow Una stanza dalla luce soffusa in una locanda poco frequentata
Due figuri si confrontano sussurrando
"Perchè mi hai voluto qui?"
"Beh tu li conosci molto meglio di me, stiamo organizzando una sorpresa ai loro danni."
"Mhn. Giochi col fuoco, e lo sai."
"E' per quello che ti invito alla festa."
"Grazie dell'invito, ma lavoro da solo."
"Come vuoi... La porta è sempre aperta, elfo."

Arrow Seawolk, sede dell’Ordine Cavalleresco del Dardo di Cobalto
I pesanti portoni si spalancarono e una figura femminile entrò nel salone principale con passo lento ma deciso.
Le guardie del palazzo notandola strabuzzarono gli occhi, afferrarono le proprie armi e le estrassero nella sua direzione. La figura si fermò sul posto, poggiando le mani sui fianchi
“Altolà! Identificati!” Esclamò risoluto uno degli uomini a guardia.
Una risata provenì dall’intrusa, mentre prese dall’abito una pergamena
“Siete seri?” Domandò altezzosa
“Io sono un cavaliere del Dardo di Cobalto. Io sono l’Evocatore. E questo” Disse srotolando la pergamena davanti agli occhi degli uomini sbalorditi “E’ un attestato da parte di Ser Ferdinando La Torre. Prendo le sue veci assieme a Tsunami, mentre sarà via. E ora, spostatevi, ho da fare”
Concluse seccamente, riprendendo il suo cammino passando in mezzo agli uomini.
Quasi attraversò l’intera sala quando uno di questi, con voce flebile, domandò ai compagni “Ma… Che cos’è…?”
Il cavaliere volse lo sguardo nella sua direzione, sfiorando i tralci di rami fioriti che le crescevano sul capo, adornandolo.
Un sorriso sardonico le si disegnò sul volto
“Che c’è? Non hai mai visto una Driade?”

Arrow In ogni bacheca di ognuna delle Organizzazioni, viene affisso un proclama ufficiale del Duca.
Su di essi vi è scritto:
“Illustrissimi vertici delle nostre amate Organizzazioni e rappresentanti delle più lontane ambasciate, ricevete codesta missiva per ordine del Duca Faust Nordarke con l’invito a condividerla con i vostri sottoposti.
Il ventinovesimo giorno del decimo mese dell’anno corrente, siete formalmente invitati a presenziare all’unione della Casata Nordrake alla Casata Ronuà, sancita dalle nozze di Lord Faust e Lady Ludovica.
Il lieto evento avrà luogo a porte chiuse e l’accesso sarà consentito solamente a coloro che presenteranno all’entrata l’invito ufficiale scritto per mano del Duca stesso.
Gli appartenenti alle singole Organizzazioni sono invitati a partecipare ai festeggiamenti in piazza in onore degli sposi.
Su specifica richiesta di Lord Nordrake, sono caldamente invitati a partecipare gli appartenenti al Gruppo d’Intervento, i quali si sono distinti per virtù e risultati nei lontani territori a nord.
In fede di massima diffusione,
Alfonso Delle Grazie
Scrivano personale di Lord Faust Nordrake

“Il cuore di ghiaccio, le zanne di ferro”
“Nostra è la preda”


Arrow Taverna del Loto Blu, Barge
“Non si esibiscono oggi?”
“A volte mi chiedo se sei solo stupido o mangi sassi come quell’idiota di tuo fratello. C’è il matrimonio. Secondo te musici e menestrelli se ne stanno a Barge quando c’è l’evento mondano più importante del Ducato alle porte? Rimbambito”
“Eh vabbè, quanto nervosismo. Ho solo chiesto. Tanto sono venuto qui per fare affari e incontrare un paio di venditori di cui mi hanno parlato bene, quindi se non spendo soldi in musici e artisti vari è meglio”
*pacca in testa*
“Ma allora sei proprio ritardato!! Ci vanno tutti a quell’evento! I mercanti approfittano perché è pieno di nobili che si sono dimenticati di prendere il regalo agli sposi. Essendo all’ultimo quei tirchioni sono disposti anche a spendere tre volte il valore effettivo della merce. Secondo te rimanevano qui a Barge ad aspettare te qui per quattro ramelle?”
“Effettivamente non hai tutti i torti” *fa un sospiro amareggiato* “Vorrà dire che andrò da quelli del Ferro a chiedere un addestramento speciale. Dopotutto con la spada sono un vero asso.”
“Per i Tre, ma sei proprio il più scemo dei fratelli. Ma sei così di natura o sei caduto dal carro quando eri piccolo? Te lo hanno mangiato i troll il cervello? LORD FAUST NORDRAKE SI SPOSA CON LADY LUDOVICA RONUA’ e secondo te il Ferro è a Barge a fare addestramento a un idiota come te? Vai a casa a dormire, che il troppo sole dei campi ti ha bruciato il cervello.”

Arrow Lungo le rive dello Specchio Azzurro
Due donne stanno lavando i panni
“Te lo giuro sta per sfornare”
“Ma che è, ‘na pagnotta?”
“Una pagnotta dal sangue nobile, oramai Livia Nordrake è quasi pronta, sono passate almeno otto lune”
“Ma io avevo sentito che lo aveva perso..”
“E invece no, mai infornata fu più facile”
“Ti prego, basta allusioni a forni e pagnotte..”
“E va bene, e va bene. Comunque ho sentito che è per questo che non vanno al matrimonio del fratello di lei”
“Nemmeno Rufus Stein parteciperà?”
“Voci dicono che preferisca rimanere accanto alla moglie per paura di un parto difficile”
“Che uomo tutto d’un pezzo, Livia è così fortunata, e poi è una donna così elegante..”
“Da due nobili di tale rango non può che uscire un grande uomo”
“... O una grande donna.”

Arrow Torhan, sede dell’Ordine della Catena d’Argento
Il servo bussò timidamente alla porta in legno delle stanze del suo padrone
“Signore? Ho notizie per lei”
Una voce grave rispose dall’altra parte “Entra”
Il servo aprì timidamente la porta ed entrò nella stanza privata, osservando Kainen Lamabianca seduto sul bordo del proprio letto, i gomiti poggiati sulle ginocchia.
Un suo solo sguardo bastò a far rabbrividire il ragazzino che con voce traballante pronunciò
“E’ stato deciso il giorno del processo al vostro Ordine, Signore. Avverrà il giorno prima dello sposalizio di Lord Nordrake e Lady Ronuà…”
Il giovane venne accolto da un silenzio interminabile, mentre il cavaliere della Catena d’Argento si limitò a fissare davanti a sè, con uno sguardo stanco.
Qualche secondo dopo, quest’ultimo si alzò in piedi, assumendo una posizione austera, annunciando
con decisione “E sia”.
E con passo veloce uscì dalla stanza.

Arrow Nei boschi tra i Monti Norne e Verdantis
Padre e figlio vagavano per le alte frasche a caccia di conigli. L’uomo imbracciava un arco da caccia, mentre il bambino si pavoneggiava con la sua fionda nuova, visibilmente entusiasta dell’avventura.
“Stai più basso, Alex, se ti vedono fuggono subito”
“Si, papà. Ma quando escono?”
“Quando vogliono, non escono solo perché noi abbiamo fretta...”
Un fruscio in lontananza attiró la loro attenzione. Un'occhiata tra i due e un cenno dell’uomo fu sufficiente e si incamminarono strisciando tra i cespugli verso la fonte del rumore. Si avvicinarono così lentamente a un vecchio casolare diroccato, probabilmente un tempo era un ritrovo di cacciatori.
“Guarda papà!”
“L’ho vista, resta qui, vado a controllare”
“Ma anche io voglio vedere"
Accennando un secco “No", l’uomo si incamminó verso la porta, silenziosamente, guardingo.
Troppo lentamente però per il giovane Alex, che corse avanti verso la prima finestra.
“No, Ale-” Le parole dell’uomo vennero interrotte dalle grida di terrore del piccolo che cadde indietro in preda al panico. Il padre corse da lui, il piccolo si era urinato addosso, tremava e non riusciva a smettere di piangere, completamente terrorizzato.
Il padre lo prese in braccio e lo portò sotto a un albero finché non si fu calmato, ma nonostante tutto il piccolo non volle spiegare cosa aveva visto.
Il padre tornò al casolare e guardando dalla finestra vide lo spettacolo che aveva terrorizzato il figlio: un ammasso di cadaveri squartati appesi in ordine sparso nell’atrio del casolare. Il sangue grondava copioso e iniziava appena a rapprendersi sul vecchio pavimento in legno scuro.
Simboli dei demoni di Ta’Shyr imbrattavano il suolo dipinti con il sangue e i corpi delle vittime, incise profondamente nella carne.
L’uomo svenne.
avatar
Medea

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 21.01.17
Età : 27
Località : Soave

Foglio GDR
I miei personaggi: Druilia Yer, Legione Dorata - Malìa, barda itinerante - L'Evocatore, cavaliere del Dardo di Cobalto

Tornare in alto Andare in basso

Re: DICERIE - Fate il Vostro Gioco

Messaggio Da Medea il Dom Ott 22 2017, 18:34

Arrow In una taverna vicino a una scoscesa scogliera
Due marinai chiacchieravano davanti a un boccale di sidro.
“Ehi Jhonny, l’hai vista quella nave nera?” Domandò uno dopo una lunga sorsata
“Uh? Di quale stai parlando?”
Il primo marinaio sbuffò, scuotendo il capo
“Ma sei il solito scemo allora. Quella che ha gettato l'ancora vicino alla costa”
Jhonny si rabbuiò, mentre si limitava a fissare il boccale semi vuoto davanti a sè
“Ah si. Solo... Non mi va di parlarne”
“E perché? Da quando sei così fifone? Ti fa cagare sotto? Senza palle!” Disse il marinaio scoppiando a ridere sguaiatamente.
Jhonny battè il pugno sul tavolo, interrompendo l’amico
“No idiota! E’ perché qualche chilometro più a sud di quella dannata nave abbiamo trovato una decina di piccole barche e quattro cadaveri sulla battigia…”
“Oh, accidenti... Spero non siano altri casini, già c'è aria di tempesta, stasera…”

Arrow Caserma, O&S
"Il Monsignore lexita al tavolo del Colonnello? Mi prendi in giro?!"
"No no! Giuro! Lo hanno chiamato i compagni di Rufio per la sua commemorazione"
"... E il Colonnello che ha detto?"
“Ha tirato una solfa sul diritto di scegliere il proprio funerale e sull'importanza della Festa della Memoria"
"Per i Tre… Cosa diavolo hanno visto a Mu per dedicarsi così tanto alla religione?"
"Non lo so, però lo vedremo presto anche noi... Il Colonnello vuole tornarci per cercare i dispersi"
"... Lo adoro"

Arrow Attorno a un focolare
Tre orchi discutevano concitatamente nella notte.
Il capocasata Hierko proruppe in un ruggito rivolgendosi all’orco accanto a sè
"CI DEVI ANDARE! SEI IL PADRE DEI LUPI! CONTI COME UN MARCHESE!"
Kuxstag scosse il capo, colpendosi il palmo della mano con il pugno
"GIAMMAI! Io non vado a inchinarmi di fronte a quell’idiota di un fargan che non ha nemmeno un pelo sul volto!"
Il nobile Hierko esclamò esasperato "E' importante! E’ tuo compito!"
"NO, ho detto! Non voglio assistere ai loro riti blasfemi, nè supportarli in alcun modo. Non cambio idea"
Il terzo orco, avvolto dalla pelliccia bianca, grugnì, rivolgendosi ai due litiganti. Con voce profonda Guur’Zaak si intromise nel discorso
"Ma non ci dobbiamo mandare Orso? C'è pure la sfida, mi pare"
Il nobile portò la mano alla fronte, coprendosi gli occhi spossato dalla conversazione che andava avanti da oramai troppo tempo
"Ah, se c’è una cosa che mi manca di Siegfrid era di certo la sua accondiscendenz..."
Il ruggito degli altri due orchi lo interruppe, al grido di
"PERCHE' ERA UN FARGAN SENZA PALLE!"

Arrow In una Taverna
“Hai sentito? Pare che gli Argenti saranno presenti al matrimonio Nordrake”
“Argenti? Chi sarebbero? Cavalieri? Una gilda di mercanti?”
“No, sono quel gruppo di Liberi che ultimamente ha soffiato alcuni contratti all'Occhio e Spada”
“Mi prendi per in giro? Dei Liberi, al matrimonio. Si vorranno mica imbucare?”
“No pare siano stati invitati”
“Ma per la sottana di Elyar, chi è il genio? E perchè?”
“Voci mi han detto sia uno dei Ronuà…”

Arrow Alle porte di Pinnacolo dell'Essenza
L'uomo dai capelli verdi avanzò verso il portone del Castello, quando una guardia gli si avvicinò, chiedendone l'identità.
"Sì, beh, sono un Maestro del Fuoco, sto cercando il mio amico William Crowley. Ho mandato numerose missive negli ultimi mesi non ricevendone tuttavia risposta alcuna. Sono venuto a chiedere spiegazioni".
"William... William... William, il nome mi dice qualcosa..." e dopo qualche istante la memoria si fece più chiara
"Ah sì, William, mi ricordo. E' purtroppo caduto in una battaglia contro i Demoni in missione col Gruppo d’Intervento, alla fine dello scorso Quarto Mese".
"Ah... Non lo sapevo... Me ne dispiaccio enormemente... Allora non mi trattengo oltre e mi congedo".
"Se non erro nel Gruppo d’Intervento ha ancora un fratello, oltre a vari amici, magari può far loro piacere parlare con voi di lui?"
"Mhn, un fratello dite… Può essere… Vedrò. Riferite che li andrò a trovare un giorno".
E sì allontanò, senza attendere la risposta della guardia.
Dopo un po' la guardia, con lo sguardo perso nel vuoto, si chiese ad alta voce "Sì ma... Come si chiamava...?"

Arrow Due mercanti chiacchierano per la strada
“Hai saputo di Rolvise?”
“No è da un pezzo che non lo vedo. Sarà mica morto?”
“Macchè, peggio. L'hanno dichiarato Libero”
“Degradato e cacciato dal Patto? E perchè mai?”
“No, pare sia stato il figlio di Marcus Ghim. Rolvise stava tornando dall'Avamposto e dicono che gli abbia tagliato la strada. Questo si è inalberato e l'ha liberato sul posto”
“Non ci credo…”
“Peggio ancora, un gruppo di brutti ceffi ha assistito alla scena e ne ha approfittato per spogliarlo immediatamente di tutto ciò che aveva”
“Diamine... Questa cosa che i Nobili possono liberare a sentimento mi spaventa…!
“Ti ricordo che l'Avamposto è dominio Ghim. Ma pare che la famiglia nobiliare abbia spedito il ragazzo in un monastero per fare ammenda. Dopo le rimostranze furiose del Patto chiaro…”

Arrow Sala di Pinnacolo dell'Essenza
Due Apprendisti stavano ripassando numerose carte, buttandole in giro, segnando e sottolineando pezzi e stracciandone altri.
"Mi spieghi di nuovo perchè stiamo cercando così a fondo tutte queste informazioni su pietre magiche, evocazioni elementali e castelli?"
"Perché tutti ne stanno domandano in giro. Io so anche da dove sono partite queste domande, sai? Ho indagato! Ma non te lo dico. Continua a lavorare che se troviamo ciò che cercano magari ci guadagniamo finalmente la promozione"
All'improvviso una voce fece capolino alle loro spalle
"E così tu sapresti quale Congregato si sta interessando di queste ricerche, nevvero?"
Gli Apprendisti trasalirono nell’accorgersi di essere al cospetto del Consigliere Terra.
"Suvvia, meno preoccupazione e più risposte, grazie" continuò lui.
"Ehm sì, ecco... Tante domande sono state fatte, le persone ne parlano, di tanto in tanto esce il vostro nome e..." balbettò l'Apprendista più informato.
"Cosa si dice in girò già lo so" tagliò corto il Consigliere "Quello che voglio sapere è da chi è partita questa indagine, questa incetta di informazioni".
"Varie persone... Tuttavia tutte appartenenti al Gruppo d’Intervento, questo lo posso affermare con discreta certezza"
"Il Gruppo d’Intervento... Interessante... Inaspettato e interessante. Penso proprio che andrò a porgere loro i miei saluti..."

Arrow Punta del Drago, Salone Grande delle cerimonie.
Un uomo della Tribù è inginocchiato di fronte allo scranno dove siede il Duca
“Siamo qui oggi riuniti al cospetto degli Dei per offrire il giusto tributo ad un valoroso eroe. Pronuncia il tuo nome”
“Kuma, della Tribù del Lupo Guardiano”
“Kuma, giuri tu eterna fedeltà alla Nobile Casata Nordrake, Protettrice del Ducato?”
“Lo giuro”
“Giuri tu di offrire i tuoi servigi e se necessario la tua vita ogni qualvolta la Nobile Casata Nordrake lo richiederà?”
“... Lo giuro”
“Giuri tu di non dare tregua ai nemici della Casata, di essere simbolo della stessa in guerra ed in pace, e di proteggere tutti gli appartenenti ad essa?”
“Lo giuro”
“Ebbene, Kuma della Tribù del Lupo Guardiano. Io, Faust Nordrake, Primo del Mio Nome, per i poteri conferitimi dagli dei e dalla mia nobile discendenza, ti nomino Gastaldo. Ti verrà dunque concessa la possibilità di fondare un Ordine Cavalleresco, se lo desideri, e verrà valutata la possibilità di affidare un Dominio alle tue cure. Ora alzati. Alzati e festeggia con me”
“...Spirito e sangue!”


Arrow Monti Galgaris, il centro del ducato
"Ancora li sta?"
"Ma che cos'ha, perche ti da tanto fastidio?"
"È strano, non mi piace e secondo me è pazzo"
"Forse lo è, ma paga. E poi ora ha anche dei compagni di gioco, non vedi... OH!"
"... Hai visto anche tu?"
"... S-sono... S-spariti dentro a quel... Quel coso?!"
"E non c'è più neanche il suo disco ruotante…! Per i Tre!"
"Non farne parola con nessuno, di questa cosa"
"Certo, fidati di me"
avatar
Medea

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 21.01.17
Età : 27
Località : Soave

Foglio GDR
I miei personaggi: Druilia Yer, Legione Dorata - Malìa, barda itinerante - L'Evocatore, cavaliere del Dardo di Cobalto

Tornare in alto Andare in basso

Re: DICERIE - Fate il Vostro Gioco

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum