Aprile 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Calendario Calendario

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Missive in gioco
Ieri alle 17:58 Da Magus

» DICERIE - Luce ed Ombra
Ieri alle 10:19 Da Picci

» 7.1 lista correzioni previste per 2017
Mar Apr 25 2017, 17:09 Da GrifoMaster

» disattivare trappole
Mar Apr 25 2017, 17:07 Da GrifoMaster

» Commento linee guide rituali
Ven Apr 21 2017, 13:54 Da GrifoMaster

» Larp camp 2017 news
Ven Apr 21 2017, 11:54 Da GrifoMaster

» Ciao a Tutti!
Mar Apr 18 2017, 20:00 Da Mitico-Gian

» Distinti Salumi
Mar Apr 18 2017, 19:25 Da Medea

» Riconoscere e controllare gli spiriti
Lun Apr 17 2017, 22:50 Da Malex


Debriefing - Preda e cacciatore

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Crispino il Sab Lug 16 2016, 22:03

Premetto che, se sono sorti questi dubbi, noi master faremo autocritica e cercheremo di rendere ancora più cristallini gli obiettivi in gioco. Parte dello staff è relativamente giovane nel ruolo e quindi siamo consapevoli che possiamo solo migliorare.

Permettetemi di chiarire però il concetto di "difesa" dei luoghi nel contesto militare, indipendentemente da ciò che è stato o non è stato ribadito dai PNG o dai PG prima e all'inzio dell'evento.

C'erano punti di controllo da salvaguardare, questo era lampante. La Frusta Rossa poteva distruggere un punto di controllo in 15 minuti, come scritto da cartello. Quindi, essendo veramente rapido il tempo necessario a danneggiare, la logica suggerisce che il pericolo dovesse essere prevenuto PRIMA che i distruttori si avvicinassero.
Lo scopo era proteggere, quindi EVITARE che il danneggiamento del luogo avvenisse. Dubito che un PNG vi abbia detto: "Andate lì e restateci, immobili." Vi avrà detto: "Andate lì, e proteggetelo."

A tal scopo, era ininfluente che voi presidiaste staticamente un posto, fermi ad annoiarvi, o che invece istituiste una rete dinamica di ronde che presidiassero l'intero territorio, a caccia di manipoli nemici sparsi in avvicinamento, con staffette per far convergere il grosso delle forze nel punto di maggiore pericolo. Dato il rapporto numerico di giocatori e staffari (tipo 6:1), la cosa sarebbe stata agevole per voi. E se vi ha frenato, comprensibilmente, il caldo, vi dirò che non abbiamo consentito al caldo di frenare l'attività dello staff Wink

Faccio in merito una parentesi sul mio PNG domenicale di Artemisius, servitore dei Flambèr, apparentemente molto secondario, che invece ho portato per oltre 3 ore di cammino ininterrotto con lo scopo di fornire supporto ai vari gruppi, ma anche e soprattutto di verificare per conto dei Flambèr anche CHI e COME stava presidiando i luoghi.
Pertanto ho visto accampamenti semidistrutti, abbandonati temporaneamente, talora mal gestiti nelle comunicazioni coi campi base. L'avamposto aveva solo tre disperati a presidiarlo, la miniera ne aveva addirittura 15 a un certo punto. Io stesso come Corno Ubriaco ho tranquillamente sventrato e occupato l'avamposto di sabato sera che era stato del tutto abbandonato. Mi è stato segnalato dalla retroguardia che non avevano neppure acqua da bere: questo, in gioco, per il mio messo è stato valutato come segno di basilare carenza logistica.
Siete veramente certi di aver dato una buona immagine di organizzazione ad un esploratore e ispettore dei vostri padroni di casa? Ricordate che durante un live, tutto avviene in gioco e viene VALUTATO in gioco. L'intervento della Catena non è arrivato certo per vostri meriti sul campo.

Inoltre, gli stendardi nei punti di controllo erano un VOSTRO equilibrio interno, era una vostra esclusiva scelta quale vessillo dovesse essere innalzato. Io come Artemisius mi sono limitato a registrare, nei punti intermedi del live, a chi era stato nominalmente assegnato l'onere e l'onore della tutela guardando lo stendardo: se il punto era tenuto bene, ciò sarebbe stato positivo per tale fazione; se era tenuto male, ciò sarebbe andato a suo svantaggio.
Doveva esservi spiegato? Direi di no, ma se l'aveste chiesto ad Artemisius chiaramente vi avrebbe detto la sua opinione. E in gioco, era LUI il delegato addetto a riportare, nel bene e nel male, le informazioni ai Flambèr.

Non dirò se il pattugliamento di cui parlavo sopra è stato o non è stato fatto, perché non ero certo ovunque per poterlo negare o affermare; tuttavia, in 3 ore ho visto forse una o due ronde. Quel che è chiaro è che nessuno vi ha imposto la staticità di un grosso distaccamento concentrato nel singolo punto di controllo. Se ciò è avvenuto, è stata una vostra SCELTA a livello logistico e militare, e una responsabilità dei vostri comandanti in campo.

Presenza dei PNG:
i PNG Nobili SONO trainanti, l'ambientazione stessa ribadisce l'importanza del rispetto delle gerarchie e dell'etichetta. Questo è l'impronta che lo staff ha deciso di dare alla campagna, che può piacere di più o di meno, fatto salvo che è nostra intenzione limitare e rarefare sempre più la presenza di PNG importanti, dato che noi crediamo che siano i Personaggi Giocanti e le loro interazioni il vero fulcro e motore del gioco in AD.
Tuttavia, la scelta di conformarsi, di seguire solo in parte o non assecondare affatto queste regole sociali, e quindi assumersi le conseguenze di tale scelta, sta ai personaggi e quindi ai Giocatori. I PNG reagiranno male se li raggirate, certo, ma solo SE lo sapranno, e molto conta COME lo sapranno. L'etichetta è fondamentale, ma da ambientazione appare chiaro che a volte ciò che importa ai Nobili è solo la facciata. Tenetene conto, e comunque soppesate ogni PNG che lo staff vi sottopone, che sia alleato o nemico: in quanto ex-giocatori ci sforziamo il più possibile di concepirli per voi con varie sfumature. Per esempio, siete certi di aver compreso lo scopo intimo che muoveva Zeno, o vi siete limitati semplicemente a obbedire ai suoi roboanti comandi da fine stratega? Ve la lascio lì come suggestione.

Il post, che chiudo ringraziandovi comunque di tutte le critiche costruttive, dovrebbe farvi capire che l'influenza dei PNG esiste ma è aggirabile; che nessun PNG è concepito come un paletto monoblocco né immortale (Zeno e Raegor STAVANO davvero morendovi davanti all'accampamento); e che, per vostra fortuna o disgrazia, avete sempre avuto in mano la scelta di come gestire la situazione sul campo. Wink
avatar
Crispino

Messaggi : 417
Data d'iscrizione : 11.02.14
Età : 37
Località : 1/4 d'Altino

Foglio GDR
I miei personaggi: MASTER ARCANA DOMINE - Lord RUBENS Lux Victori, Pollice Bianco della Chiesa della Sacra Mano

http://ombradelre.blogspot.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da GrifoMaster il Sab Lug 16 2016, 23:38

Crispino.... Militarmente non siamo stati performanti, forse non era abbastanza chiaro che ne siamo perfettamente consapevoli. Suu quello non so se ha senso fare troppa critica (c'erano scelte dei personaggi di mezzo, anche coerenti con quanto la campagna spinge a fare). Leggi i post miei, di Nicola e di Mauro con questo presupposto.

Molte cose non sono andate come speravo io ad esempio, ma non ha senso criticarle perché son dipese da scelte di PG o da PNG che avevano tutto il diritto di interferire. Noi cerchiamo di sottolineare quello che al di la della teoria, nella pratica ci sembra esser andato male/aver ottenuto scopi opposti a quelli per cui era pensato.

in quanto ex-giocatori ci sforziamo il più possibile di concepirli per voi con varie sfumature. Per esempio, siete certi di aver compreso lo scopo intimo che muoveva Zeno, o vi siete limitati semplicemente a obbedire ai suoi roboanti comandi da fine stratega? Ve la lascio lì come suggestione.

Si nota, si nota molto ^^
Uno dei motivi per cui mi è spiaciuto che il lato battaglia è andato male è che non ho potuto fare con Zeno discorsi più interpretativi.
avatar
GrifoMaster

Messaggi : 3062
Data d'iscrizione : 03.01.14

Foglio GDR
I miei personaggi: Grifo da Zenaria, Il Priore Saigorn, Il Barone Valentino La Guardia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Oedhen il Dom Lug 17 2016, 22:51

Picci ha scritto:Non mi dilungo su Zeno, parlo per quel che so...

Lo scopo della missione di difendere gli avamposti era stato esposto alla cena organizzata dal PG del Grifo a cui dovevano partecipare dei rappresentanti di ogni organizzazione...
Compito dei presenti era portare la notizia e far capire la cosa alle proprie organizzazioni e ai propri compagni...
Alla cena Zeno ha specificato che il premio sarebbe andato all'organizzazione che avrebbe difeso meglio i punti...poi i personaggi hanno deciso di coalizzarsi (scelte), ma ciò non toglie che i punti vanno comunque difesi come da indicazioni iniziali...
Prossima volta saremo più chiari, ma avremmo preferito che il concetto passasse in gioco, non fuorigioco con un comunicato come proposto da Nicola...
Senza contare il fatto che Zeno, appena arrivato ha detto "dovete difendere questi posti, vi do le mappe, lavorate"...che poi non si sia capito mi spiace, cercheremo di essere più diretti sia in gioco che fuorigioco...
ciò non toglie che è stato comunque un errore nostro non mettere le cose più in chiaro, confidando che il messaggio fosse passato...

In realtà io l'avevo capito esattamente così e non avevo modo di immaginare un modo diverso, se devo essere sincero.

Oedhen

Messaggi : 328
Data d'iscrizione : 11.01.14
Età : 32

Foglio GDR
I miei personaggi:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Robur il Mer Lug 20 2016, 22:53

Dopo alcuni lunghi pensamenti voglio contribuire.
L'unica critica che ho da muovere è questa: non mi è piaciuto affatto il clima da "armata di reclute". Non è un difetto in sè del live ovviamente, ed è una cosa molto personale. Diciamo che per me il bello di AD era proprio avere molti pg slegati da una organizzazione militare e allo stesso tempo non avere livelli... è difficile da spiegare per iscritto, era una impostazione tutto sommato abbastanza libera per cui anche un pg appena entrato in gioco non era necessariamente un livello 1, ma poteva avere storie interessanti e già essere qualcuno. Di sicuro, mancando qualsiasi sistema di grado (militare o sociale) anche dopo parecchi live non sapevi quanto grosso erano veramente i pg che avevi di fronte.
Certo, mi direte, è possibile fare il libero, e di fatto ho apprezzato molto il pg della nonna, almeno da quanto ho visto io, slegato da gradi e organizzazioni. Tuttavia è più un ripiego, visto che di base vuol dire essere discriminati socialmente.
Capisco lo scopo di avere delle organizzazioni nette e di avere i pg dentro di loro, cosa che di sicura evita il prolificarsi di mille fazioni che c'era nella vecchia campagna nonchè lo spopolamento di alcune.
Non riesco tuttavia a vedere un grosso limite nell'essere tutti una grande armata di pg di livello 1, verosimilmente di livello 1 e 2 al prossimo live e così via, invece che essere delle bande di personaggi senza livelli. Purtroppo a me i livelli nei gdr non sono mai piaciuti, per questo dico che è più una critica personale che oggetti.
avatar
Robur

Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Malex il Gio Lug 21 2016, 11:49

Robur ha scritto:Dopo alcuni lunghi pensamenti voglio contribuire.
L'unica critica che ho da muovere è questa: non mi è piaciuto affatto il clima da "armata di reclute". Non è un difetto in sè del live ovviamente, ed è una cosa molto personale. Diciamo che per me il bello di AD era proprio avere molti pg slegati da una organizzazione militare e allo stesso tempo non avere livelli... è difficile da spiegare per iscritto, era una impostazione tutto sommato abbastanza libera per cui anche un pg appena entrato in gioco non era necessariamente un livello 1, ma poteva avere storie interessanti e già essere qualcuno. Di sicuro, mancando qualsiasi sistema di grado (militare o sociale) anche dopo parecchi live non sapevi quanto grosso erano veramente i pg che avevi di fronte.
Certo, mi direte, è possibile fare il libero, e di fatto ho apprezzato molto il pg della nonna, almeno da quanto ho visto io, slegato da gradi e organizzazioni. Tuttavia è più un ripiego, visto che di base vuol dire essere discriminati socialmente.
Capisco lo scopo di avere delle organizzazioni nette e di avere i pg dentro di loro, cosa che di sicura evita il prolificarsi di mille fazioni che c'era nella vecchia campagna nonchè lo spopolamento di alcune.
Non riesco tuttavia a vedere un grosso limite nell'essere tutti una grande armata di pg di livello 1, verosimilmente di livello 1 e 2 al prossimo live e così via, invece che essere delle bande di personaggi senza livelli. Purtroppo a me i livelli nei gdr non sono mai piaciuti, per questo dico che è più una critica personale che oggetti.

Mmh il grado influisce sostanzialmente sollo sulla Gloria Sociale in termini di gioco (ed accesso facile ad alcuni talenti, che possono però comunque essere cercati).

Non necessariamente un maggiore livello in Organizzazione implica un maggiore potere, né in termini puramente tecnici, né sociali (pensa anche solo ad un Grado 2 vs un Grado 1 ma nobile. Chi viene ascoltato? Non è una dinamica così banale).
Poi chiaramente le Organizzazioni di stampo più militare (O&S, e per certi versi la Chiesa) daranno un maggiore peso al grado interno, ma quelli sono casi specifici.


Sul fatto di non essere già qualcuno: io personalmente mi sono battuto per questa cosa, perché è innegabile, ma davvero innegabile, che ad un certo punto della scorsa campagna, specie verso la fine, ciò dipendesse assolutamente dall'umore del singolo master quando glielo chiedevi e/o il rapporto che avevi con lui.

Malex

Messaggi : 376
Data d'iscrizione : 17.01.14

Foglio GDR
I miei personaggi: Master Ombre dal Passato: Sommo Raegor Hydor; PG Isola Spezzata: Giampi l'Egomante degli 87 Santi, Daeron Samarth-Le il poco elfico elfo verde

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da GrifoMaster il Gio Lug 21 2016, 13:07



Sul fatto di non essere già qualcuno: io personalmente mi sono battuto per questa cosa, perché è innegabile, ma davvero innegabile, che ad un certo punto della scorsa campagna, specie verso la fine, ciò dipendesse assolutamente dall'umore del singolo master quando glielo chiedevi e/o il rapporto che avevi con lui.

La spieghi meglio per cortesia? Molto meglio.
Non sto dicendo che sia sbagliato.

Edit: va detto che il concetto di autorità nella vecchia campagna era molto diverso, fondamentalmente bastava proporsi per ottenere responsabilità per la maggior parte delle fazioni. L'Accademia dei Veri Nomi era una delle poche eccezioni.
Quindi non capisco il lato "master" visto che fondamentalmente bastava attaccarsi a una fazione "indebolita" o prendere un bando nobiliare e in teoria valeva per tutti. Atteggiamento abissalmente diverso da quello presente in questa campagna.
avatar
GrifoMaster

Messaggi : 3062
Data d'iscrizione : 03.01.14

Foglio GDR
I miei personaggi: Grifo da Zenaria, Il Priore Saigorn, Il Barone Valentino La Guardia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Robur il Ven Lug 22 2016, 10:40

Vi prego di tenere su un altro topic argomentazioni sulla precedente campagna. In breve, Malex, si, io infatti penso alla parte della campagna che più o giocato, cioè l'inizio-metà fino a scacchi
avatar
Robur

Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Robur il Ven Lug 22 2016, 10:46

Non necessariamente un maggiore livello in Organizzazione implica un maggiore potere, né in termini puramente tecnici, né sociali (pensa anche solo ad un Grado 2 vs un Grado 1 ma nobile. Chi viene ascoltato? Non è una dinamica così banale).
La vedo molto dura, nel momento in cui hai una struttura a livelli, la gente per forma mentis diffusa tenderà a attribuirgli una scala di valori. Sono quasi sicuro che nella maggior parte dei casi un grado maggiore sarà considerato come più importante. Faccio notare che è insito nella struttura stessa delle organizzazioni, i gradi più alti sono quelli che comandano, i gradi 5 sono potenti. Quindi si... li vedo proprio come gradi.
Infine a definirci una armata di reclute non sono stato io ma un png, il che mi fa pensare appunto che il nostro ruolo è quello.

Nota. é ovvio che è una scelta voluta di design e non sto a dire qua che bisogna cambiare tutto. Volevo solo sottolineare l'unica cosa che per me, quindi dal mio personalissimo modo di giocare e vivere AD, si è rivelata critica. Non è nemmeno una cosa insormontabile e di sicuro giocherò per sentirne il meno possibile il peso ^_^
avatar
Robur

Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 10.01.14
Località : Trieste

Foglio GDR
I miei personaggi: KUMA il divoratore di divoratori

Tornare in alto Andare in basso

Re: Debriefing - Preda e cacciatore

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum