Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Cerca, apprendimento Talento e Tempistiche
Oggi alle 11:03 Da Magus

» Saluta la mamma - Morien
Ieri alle 11:51 Da Sentrem

» Annuncio - Mite
Ieri alle 11:48 Da Sentrem

» AD a Villorba
Sab Mag 19 2018, 13:41 Da GrifoMaster

» Brinderemo ancora con loro! - Sil
Ven Mag 11 2018, 20:40 Da Sentrem

» Cinque rintocchi di campana - Lord Aurelio La Torre
Ven Mag 11 2018, 16:28 Da Sentrem

» Delucidazioni talento Contrabbandiere
Ven Mag 11 2018, 10:00 Da Oedhen

» Salve a tutti!
Ven Mag 11 2018, 09:19 Da Shalka

» Talenti con condizioni
Gio Mag 10 2018, 10:52 Da GrifoMaster


Bisogna sapersi godere le piccole cose - Faramir

Nuovo Argomento   Questo argomento è chiuso: non è possibile modificare messaggi o pubblicare risposte.

Andare in basso

Bisogna sapersi godere le piccole cose - Faramir

Messaggio Da Sentrem il Sab Mar 31 2018, 20:25

Era da poco passata l'ora di colazione quando Faramir sentì bussare alla porta della sua camera, dove si era recato a rifare il filo dell'ascia per i lavori pomeridiani nel bosco. Aperta la porta si trovò davanti Irene con un piccolo plico in mano -”Posta!”- esclamò la bionda umana, il nano allungò la mano e con un cenno del capo ringraziò l'amica che velocemente scomparve in fondo al corridoio salutando con la mano.
Faramir osservò il documento, era una lettera di Ikkagu in persona, anche per un ignorante come lui era comunque semplice riconoscere il sigillo del colonnello. Se si fosse sbrigato avrebbe potuto trovare ancora il sergente Wyrda al refettorio grande per farsela leggere immediatamente.
Con passo veloce si recò al grande salone e fortunatamente ci trovò ancora il sergente che stava lavorando su dei fogli. -”Buondì Wyrda, per favore potresti leggermi questa?”-
-”Certo!”- rispose la piccola umana, mentre già prendeva il foglio dalle mani del nano e lo apriva.
-”Dunque......”-
Al pronunciare delle prime parole il nano trasalì, -”Fermati!”- disse d'impeto, -”Sei sicura di aver letto giusto?”- la sua voce aveva un debole tremolio.
L'amica annuì sorridendo e ricominciò, leggendo tutta la breve missiva.
Qualche giorno dopo Faramir aveva un pomeriggio libero ed invece di recarsi all'esterno della città come faceva di solito, si fermò in centro per recarsi in un negozio di cornici e ne ordinò una su misura della missiva.
Una volta ritirata la cornice l'appese in camera, in un angolo sopra il braciere, e mentre la contemplava pensò: “Dovrei proprio imparare a leggere solo per riconoscere cosa c'è scritto come prime parole ….
.....Caporale mi scuso...!”

Sentrem

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 11.02.14

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Puoi rispondere agli argomenti in questo forum